Molti pazienti con tumori allo stadio terminale ricevono radioterapia inutile

  • Santos PMG & al.
  • JAMA Health Forum

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una percentuale significativa di pazienti con tumori metastatici in stadio terminale riceve radioterapia inutile.

Perché è importante

  • I risultati sottolineano l’importanza di non offrire alcun trattamento inutile, che aumenta il rischio di potenziali danni senza un beneficio dimostrato.

Disegno dello studio

  • In uno studio trasversale, i ricercatori hanno analizzato 467.781 episodi di radioterapia.
  • L’analisi è stata limitata ai pazienti di età 65 anni deceduti entro 90 giorni dalla pianificazione del trattamento.
  • L’esito primario era radioterapia non conforme alle linee guida.
  • Finanziamento: National Cancer Care Network/Pfizer EMBRACE (per Gillespie).

Risultati principali

  • Tra i pazienti deceduti entro 90 giorni dal ricevimento di radioterapia, il 78,4% aveva ricevuto radioterapia conforme alle linee guida, mentre i rimanenti avevano ricevuto radioterapia non conforme alle linee guida.
  • Secondo l’analisi multivariata, i pazienti trattati in una struttura affiliata a un’ospedale avevano una probabilità inferiore di ricevere radioterapia non conforme alle linee guida (OR corretto [adjusted OR, aOR]=0,50; IC 95%, 0,44–0,56).
  • Rispetto ai pazienti di età compresa tra 65 e 75 anni, la probabilità di ricevere radioterapia non conforme alle linee guida è risultata:
    • inferiore del 10% per i pazienti di età compresa tra 75 e 85 anni (aOR=0,90; IC 95%, 0,83–0,97);
    • inferiore del 27% per i pazienti di età 85 anni (aOR=0,73; IC 95%, 0,64–0,84).
  • La probabilità di ricevere radioterapia non conforme alle linee guida è risultata superiore del 17% per i pazienti che erano stati sottoposti a un intervento importante e superiore del 26% per i pazienti che avevano ricevuto chemioterapia.
  • I pazienti con una sopravvivenza prevista dopo la pianificazione del trattamento superiore a 30 giorni hanno evidenziato il rischio più alto di ricevere terapia non conforme alle linee guida.

Limiti

  • Lo stato di validità al momento del trattamento non è stato valutato.