mNSCLC: l’intervento chirurgico è raro, ma migliora l’OS nella malattia extratoracica

  • Lung Cancer

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La resezione del tumore primario nei casi di tumore del polmone non a piccole cellule metastatico (metastatic non-small cell lung cancer, mNSCLC) extratoracico in stadio IV è associata a un miglioramento significativo della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS).
  • Al è stato consigliato l’intervento chirurgico.

Perché è importante

  • Sebbene l’intervento chirurgico sia un trattamento raccomandato per l’NSCLC metastatico extratoracico in stadio IV, il tasso chirurgico effettivo rimane basso.

Disegno dello studio

  • 39.655 pazienti con mNSCLC extratoracico del database Surveillance, Epidemiology, and End Results.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Complessivamente, l’intervento chirurgico è stato valutato nel 4,8% dei pazienti, ma solo il 3,0% è stato sottoposto a resezione.
  • I pazienti con metastasi cerebrali presentavano il tasso più alto di intervento chirurgico (5,5%), seguiti da quelli con metastasi epatiche (2,4%), metastasi ossee (2,1%) e metastasi multiorgano (1,2%).
  • I pazienti chirurgici presentavano una OS mediana significativamente maggiore rispetto ai pazienti non trattati chirurgicamente, sia prima (14 vs. 6 mesi; P
  • Secondo l’analisi multivariabile, la resezione del tumore primario era associata in modo indipendente a migliore OS (aHR: 0,60; IC 95%: 0,56–0,64) e mortalità tumore-specifica (subHR: 0,61; IC 95%: 0,57–0,66) nella coorte complessiva e nei pazienti per i quali è stato valutato l’intervento chirurgico (rispettivamente aHR: 0,62 [IC 95%: 0,55–0,70]; SHR: 0,64 [IC 95%: 0,57–0,73]).

Limiti

  • Studio retrospettivo.