Mieloma multiplo: esiti nella pratica clinica reale dell’induzione come terapia di prima linea e del consolidamento con RVD dopo l’ASCT

  • Arcani R & al.
  • Eur J Haematol
  • 18/07/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con mieloma multiplo (MM) il trapianto autologo di cellule staminali (autologous stem cell transplantation, ASCT) dopo l’induzione con lenalidomide, bortezomib e desametasone (RVD) come terapia di prima linea ottiene esiti compatibili con quelli osservati nelle sperimentazioni cliniche.
  • Il regime RVD è ben tollerato, aspetto che ne conferma l’applicabilità in pazienti non idonei al trapianto.

Perché è importante

  • Potrebbe essere la prima volta che vengono pubblicati dati della pratica clinica reale per questo regime.

Disegno dello studio

  • Studio volto a esaminare l’ASCT dopo induzione con RVD come terapia di prima linea in 40 pazienti affetti da MM della pratica clinica reale.
  • Il trattamento comprendeva induzione con RVD, condizionamento con melfalan ad alto dosaggio (high-dose melphalan, HDM), consolidamento con RVD e quindi mantenimento con lenalidomide.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Risposte in base alla fase di trattamento:
    • Dopo l’induzione: risposta completa stringente (stringent complete response, sCR) dello 0%; risposta completa (CR) del 22,5%; risposta parziale molto buona (very good partial response, VGPR) del 52,5%; risposta parziale (PR) del 25%.
    • Dopo l’ASCT: sCR del 2,5%; CR del 30%; VGPR del 62,5%; PR del 5%.
    • Dopo il consolidamento: sCR del 22,5%; CR del 27,5%; VGPR del 42,5%; PR del 7,5%.
  • Sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana di 45 mesi (intervallo: 10–75 mesi); OS mediana di 76 mesi (intervallo: 14–86 mesi).
  • Il 22,5% dei pazienti ha sviluppato un evento avverso di grado ≥3 in qualsiasi momento.
  • La negatività per malattia minima residua (minimal residual disease, MRD) era l’unico fattore associato a una PFS significativamente migliore (P=0,008).

Limiti

  • Studio retrospettivo a braccio singolo.