Metastasi cerebrali del BCa HER2+: la combinazione neratinib+capecitabina risulta attiva nello studio TBCRC 022

  • Freedman RA & al.
  • J Clin Oncol
  • 12/03/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Neratinib più capecitabina sono associati a un tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) contro le metastasi cerebrali dal 33% al 49% in pazienti rispettivamente sottoposte o non sottoposte a precedente terapia con lapatinib per carcinoma mammario metastatico (metastatic breast cancer, mBCa) positivo per il fattore di crescita dell’epidermide umano 2 (human epidermal growth factor 2, HER2).

Perché è importante

  • Fino al 50% delle pazienti con mBCa HER2+ sviluppa metastasi cerebrali.

Disegno dello studio

  • Due coorti di fase 2, in aperto, a gruppo singolo di pazienti affette da mBCa HER2+ con metastasi cerebrali arruolate nello studio TBCRC 022: 1 coorte di pazienti naïve a lapatinib (n=37) e una coorte di pazienti già trattate con lapatinib (n=12). Entrambe le coorti hanno ricevuto neratinib 240 mg per via orale una volta al giorno più 750 mg/m2di capecitabina 2volte al giorno per 14 giorni, seguiti da una pausa di 7 giorni.
  • L’ORR era definito come una riduzione ≥50% della somma del volume delle lesioni bersaglio nel sistema nervoso centrale (SNC) senza progressione delle lesioni non bersaglio, nuove lesioni, aumento della dose di steroidi, segni o sintomi neurologici progressivi oppure progressione al di fuori del SNC.
  • Finanziamento: Puma Biotechnology; varie fondazioni.

Risultati principali

  • Pazienti naïve a lapatinib: ORR del 49% (IC 95%: 32%–66%); sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana di 5,5 mesi; sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana di 13,3 mesi.
  • Pazienti già trattate con lapatinib: ORR del 33% (IC 95%: 10%-65%); PFS mediana di 3,1 mesi; OS mediana di 15,1 mesi.
  • La tossicità più comune era diarrea (29%), nonostante la profilassi.

Limiti

  • Disegni osservazionali, in aperto.