Metanalisi: l’acido zoledronico previene la perdita ossea nei tumori mammari allo stadio iniziale?

  • Mei M & al.
  • Curr Probl Cancer
  • 01/11/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi indica che l’acido zoledronico (zoledronic acid, ZA) previene la perdita ossea nelle pazienti affette da tumori mammari allo stadio iniziale (early breast cancer, eBCa), ma esiste qualche variabilità a seconda della sede ossea e dello stato di menopausa.

Perché è importante

  • I farmaci utilizzati per la terapia adiuvante dei tumori mammari, come la terapia endocrina, provocano perdita ossea, mettendo quindi le pazienti a rischio di fratture.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 13 sperimentazioni randomizzate e controllate (randomized controlled trial, RCT) con 7.375 partecipanti individuate mediante una ricerca nei database PubMed, EMBASE e Cochrane.
  • La durata del trattamento con ZA variava da 1 a 5 anni; l’efficacia del trattamento è stata valutata mediante la densità minerale ossea (bone mineral density, BMD).
  • Finanziamento: National Natural Science Foundation of China; Beijing Natural Science Foundation.

Risultati principali

  • In una popolazione mista (pazienti in pre e post-menopausa) lo ZA ha aumentato la BMD in tutte le seguenti 3 sedi ossee rispetto al mancato trattamento con ZA:
    • rachide lombare (lumbar spine, LS; differenza media [DM], 0,06 g/cm2; P=0,00001);
    • anca totale (total hip, TH; DM, 0,03 g/cm2; P=0,00001);
    • collo femorale (femoral neck, FN; DM, 0,03 g/cm2 P=0,01).
  • Nel sottogruppo in pre-menopausa lo ZA (rispetto al mancato trattamento con ZA) ha aumentato la BMD in 1 sede:
    • LS (DM, 0,06 g/cm2 [IC 95% 0,05–0,08]);
    • TH (nessuna differenza);
    • FN (nessuna differenza).
  • Nel sottogruppo in post-menopausa lo ZA (rispetto al mancato trattamento con ZA) ha aumentato la BMD in 2 sedi:
    • LS (DM, 0,06 g/cm2 [IC 95% 0,05–0,07]);
    • TH (DM, 0,04 g/cm2 [IC 95% 0,03–0,04]);
    • FN (nessuna differenza).

Limiti

  • Eterogeneità tra gli studi.