Metanalisi del carcinoma nasofaringeo: la sopravvivenza migliora con chemioradioterapia e chemioterapia di induzione

  • Zhang B & al.
  • JAMA Netw Open
  • 02/10/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Chemioradioterapia concomitante (concurrent CRT, CCRT) con chemioterapia di induzione (induction chemotherapy, IC) sono associate a sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS), sopravvivenza libera da metastasi a distanza (distant metastasis-free survival, DMFS) e sopravvivenza libera da recidiva locoregionale (locoregional recurrence-free survival, LRFS) migliori rispetto alla radioterapia (RT) nei pazienti affetti da carcinoma nasofaringeo (nasopharyngeal carcinoma, NPC).
  • Secondo una revisione sistematica e metanalisi la chemioterapia adiuvante (adjuvant chemotherapy, AC) non è associata a questi benefici.

Perché è importante

  • La CCRT è ora un trattamento standard per l’NPC in stadio locoregionale avanzato, ma i benefici relativi della IC e AC rimangono ancora poco chiari.

Risultati principali

  • La CCRT era associata a una migliore OS (HR: 0,66; P=0,002), PFS (HR, 0,73; P=0,01), DMFS (HR, 0,69; P
  • L’IC era associata a una migliore OS (HR: 0,84; P=0,007), PFS (HR: 0,73; P
  • L’AC non era associata a una migliore OS (HR: 0,98; P=0,87), PFS (HR: 0,86; P=0,17), DMFS (HR: 0,84; P=0,21) o LRFS (HR: 0,80; P=0,16).

Disegno dello studio

  • Nella metanalisi sono stati inclusi 8.036 pazienti con NPC di 28 sperimentazioni cliniche randomizzate.
  • Finanziamento: National Natural Science Foundation; Guangzhou Science Technology and Innovation Commission; China Postdoctoral Science Foundation.

Limiti

  • Mancanza di analisi di specifiche strategie per la RT.