Mesotelioma: la doppia immunoterapia di prima linea sembra promettente

  • WCLC 2020
  • 08/08/2020

  • Pavankumar Kamat
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La gestione senza chemioterapia del mesotelioma precedentemente non trattato può essere possibile con la combinazione immunoterapica nivolumab più ipilimumab (nivo + ipi).

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono che la doppia immunoterapia come trattamento di prima linea del mesotelioma potrebbe essere un nuovo standard di cura.

Disegno dello studio

  • Analisi ad interim della sperimentazione di fase 3 CheckMate 743: 605 pazienti con mesotelioma pleurico naïve al trattamento assegnati casualmente (1:1) a ricevere nivo + ipi per un massimo di 2 anni o chemioterapia (pemetrexed più cisplatino o carboplatino) fino alla progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.
  • Finanziamento: Bristol-Myers Squibb.

Risultati principali

  • Nivo + ipi sono risultati associati a un miglioramento significativo della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana rispetto alla chemioterapia:
    • 18,1 rispetto a 14,1 mesi;
    • HR=0,74 (P=0,0020).
  • Il beneficio in termini di OS di nivo + ipi era quasi simile nei sottotipi di tumore epitelioidi (18,7 mesi) e non epitelioidi (18,1 mesi).
  • Non sono state osservate differenze in termini di sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) tra i 2 bracci. 
  • Nivo + ipi sono risultati associati a una durata mediana maggiore della risposta (11,0 mesi) rispetto alla chemioterapia (6,7 mesi).
  • Dopo 24 mesi, il 32% dei pazienti nel braccio trattato con nivo + ipi aveva ottenuto una risposta rispetto all’8% di quelli nel braccio in chemioterapia.
  • Complessivamente, i tassi di eventi avversi correlati al trattamento (treatment-related adverse event, TRAE) erano quasi simili tra i 2 bracci; tuttavia, la combinazione nivo + ipi è risultata associata a un numero maggiore di TRAE seri di grado 3 o 4 rispetto alla chemioterapia (15 vs. 6).

Limiti

  • Lo studio è tuttora in corso.