Meno esacerbazioni asmatiche gravi con la terapia sintomatica budesonide-formoterolo


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In adulti con asma da lieve a moderata, la terapia sintomatica a base di budesonide-formoterolo ha portato a meno esacerbazioni gravi rispetto alla terapia di mantenimento con budesonide più terbutalina al bisogno.
  • Anche il tempo alla prima esacerbazione grave è risultato più lungo.
  • Il controllo dei sintomi è risultato simile e la dose di corticosteroidi più bassa.
  • La combinazione corticosteroidi inalatori (CI)-formoterolo è un’alternativa alla bassa dose giornaliera di CI per pazienti con asma lieve, come raccomandato dagli esperti della Global Initiative for Asthma nel 2019.

Descrizione dello studio

  • Lo studio di 52 settimane, in aperto, a gruppi paralleli, multicentrico, randomizzato e controllato è stato condotto in 15 centri in nuova Zelanda.
  • Sono stati inclusi adulti (18-75 anni) con diagnosi medica di asma autoriferita in trattamento con beta antagonisti a breve durata d’azione (SABA) per il sollievo dai sintomi con o senza terapia di mantenimento con corticosteroidi inalatori (CI) a dosi basse o moderate nelle 12 settimane precedenti.
  • I pazienti sono stati assegnati a terapia sintomatica con budesonide 200 μg-formoterolo 6 μg Turbuhaler (un’inalazione al bisogno per il sollievo dei sintomi) o budesonide 200 μg Turbuhaler (un’inalazione 2 volte al giorno) di mantenimento più terbutalina 250 μg Turbuhaler (2 inalazioni al bisogno).
  • Nello studio sono state programmate 6 visite: alla randomizzazione e alle settimane 4, 16, 28, 40 e 52.
  • L’endpoint primario era il numero di esacerbazioni gravi per paziente per anno nell’analisi per intention to treat.
  • Le analisi di sicurezza hanno incluso tutti i partecipanti che avevano ricevuto almeno una dose di trattamento.
  • Fonte di finanziamento: Health Research Council of New Zealand.

Risultati principali

  • Nell’analisi sono stati inclusi 885 partecipanti: 437 nel gruppo budesonide-formoterolo al bisogno e 448 nel gruppo budesonide di mantenimento più terbutalina al bisogno.
  • Nel gruppo budesonide-formoterolo al bisogno si sono verificate meno esacerbazioni gravi per paziente rispetto al gruppo budesonide di mantenimento più terbutalina al bisogno (tasso assoluto per paziente per anno 0,119 vs 0,172; tasso relativo 0,69; P=0,049).
  • La rinofaringite è stato il più comune evento avverso in entrambi i gruppi (35%nel gruppo budesonide-formoterolo al bisogno e 32% nell’altro gruppo).

Limiti dello studio

  • Disegno in aperto dello studio.

Perché è importante

  • Molti pazienti asmatici presentano malattia intermittente o lieve, ma sono comunque soggetti a esacerbazioni.
  • Basse dosi di CI sono utili nella prevenzione delle esacerbazioni, ma i medici spesso non prescrivono tali farmaci a pazienti con malattia lieve o intermittente e i pazienti mostrano spesso scarsa aderenza alle terapie.