Melanoma vulvare/vaginale: quali fattori sono predittivi della DFS?

  • Wohlmuth C & al.
  • Am J Clin Dermatol
  • 29/11/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Lo stato dei linfonodi è un predittore significativo della sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) delle pazienti con melanoma vulvare o vaginale, secondo un’analisi del database Surveillance, Epidemiology, and End Results (SEER).

Perché è importante

  • Il melanoma vulvare e vaginale è associato a una prognosi infausta, ma non è stato studiato esaurientemente.

Risultati principali

  • Il sottotipo più comune di melanoma vulvare era quello a diffusione superficiale (48,4%), mentre il melanoma nodulare era il sottotipo più comune di melanoma vaginale (55,4%; P
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era di 53 mesi nelle pazienti con melanoma vulvare e di 16 mesi nelle pazienti con melanoma vaginale.
  • La DFS mediana era di 99 mesi nelle pazienti con melanoma vulvare e di 19 mesi nelle pazienti con melanoma vaginale.
  • Stato linfonodale (HR: 3,148 [P=0,002] con 1 linfonodo positivo; HR: 4,432 [P
  • Stato linfonodale (HR: 1,710 [P=0,049] con 1 linfonodo positivo; HR: 3,432 [P=0,003] con ≥2 linfonodi positivi) erano associati alla DFS delle pazienti con melanoma vaginale.

Disegno dello studio

  • Sono stati analizzati esiti e fattori prognostici di 1.863 pazienti del database SEER, 1.400 con melanoma vulvare e 463 con melanoma vaginale.
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Studio osservazionale di un ampio database.