Melanoma: quali fattori sono predittivi della sopravvivenza dopo l’inibizione del checkpoint immunitario e il trattamento chirurgico?

  • Bello DM & al.
  • Ann Surg Oncol
  • 17/12/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La resezione completa e la risposta all’immunoterapia sono associate a una sopravvivenza migliore dei pazienti con melanoma sottoposti a blocco del checkpoint immunitario seguito da metastasectomia.

Perché è importante

  • Gli esiti in questo gruppo di pazienti rimanevano poco chiari.

Risultati principali

  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana dopo la prima resezione era di 21 mesi.
  • Una resezione completa in occasione del primo intervento era associata a una OS mediana migliore rispetto alla resezione incompleta (non raggiunta vs. 10,8 mesi; P
  • I tumori isolati in progressione o rispondenti alla terapia erano associati a una OS mediana migliore rispetto a lesioni multiple progressive (non raggiunta vs. 7,8 mesi; P
  • Nell’analisi multivariata, una scarsa OS era associata a (HR):
    • malattia residua dopo la resezione, 2,75 (P=0,002);
    • alto rapporto neutrofili/linfociti preoperatorio, 1,04 (P=0,024) e
    • sedi multiple di progressione della malattia, 7,57 (P

Disegno dello studio

  • Sono stati analizzati i fattori prognostici di 237 pazienti affetti da melanoma trattati con blocco del checkpoint immunitario seguito da metastasectomia.
  • Finanziamento: NIH/NCI Cancer Center, Ludwig Collaborative e Swim Across America Laboratory, Memorial Sloan Kettering Cancer Center, Weill Cornell Medicine.

Limiti

  • Follow-up di durata limitata.