Melanoma: le dimensioni basali del tumore sono predittive della OS con pembrolizumab

  • Joseph RW & al.
  • Clin Cancer Res

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le dimensioni basali del tumore (basal tumor size, BTS) sono associate alla sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) dei pazienti con melanoma trattato con pembrolizumab secondo l’analisi post-hoc della sperimentazione KEYNOTE-001.

Perché è importante

  • Comprendere i fattori prognostici può essere utile nella stratificazione del rischio e nelle decisioni terapeutiche.

Risultati principali

  • Le BTS mediane erano di 10,2 cm (intervallo: 1–89,5 cm).
  • BTS mediane maggiori erano associate a stato di validità dell’Eastern Cooperative Oncology Group 1, lattato deidrogenasi innalzata, malattia in stadio M1c e metastasi epatiche (P<0,001 per tutti), nonché età inferiore (P=0,038) e malattia trattata precedentemente (P=0,013).
  • BTS inferiori alla mediana erano associate a una OS migliore (HR: 0,61; P<0,001) nell’analisi multivariata.
  • In 459 pazienti con espressione tumorale del ligando della proteina di morte programmata 1 (programmed death ligand 1, PD-L1) disponibile, BTS inferiori alla mediana e tumori PD-L1-positivi erano associati in modo indipendente a un tasso di risposta obiettiva maggiore (OR: 1,63; P=0,0496 e OR: 4,19; P<0,001) e a una OS maggiore (dati non riportati) nell’analisi multivariata.

Disegno dello studio

  • In 583 pazienti affetti da melanoma sono state analizzate BTS e le sue associazioni con fattori ed esiti clinici.
  • Finanziamento: MSD.

Limiti

  • Studio post-hoc.