Melanoma in stadio T2: giovane età e LVI tra i predittori di metastasi nel SLN

  • Egger ME & al.
  • Ann Surg Oncol
  • 07/08/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Età più giovane, invasione linfovascolare (lymphovascular invasion, LVI), tasso mitotico, spessore, sede e livello di Clark sono associati a metastasi nel linfonodo sentinella (sentinel lymph node, SLN) nei pazienti con melanoma in stadio T2.

Perché è importante

  • Una previsione accurata del rischio di metastasi può aiutare a evitare biopsie del SLN inutili, in particolare nei pazienti anziani con malattia a basso rischio.

Risultati principali

  • Spessore crescente (OR: 1,009; P2 (OR: 1,77; P
  • Età più avanzata (OR: 0,977; P
  • I pazienti di età >56 anni senza LVI presentavano un rischio del 7,8% (IC 95%: 7,2%–8,4%) di metastasi nel SLN.
    • Questo gruppo rappresentava il 60% dei pazienti nell’insieme di dati.
  • I pazienti di età ≤56 anni presentavano un rischio del 14,5% (IC 95%: 13,6%–15,6%) di metastasi nel SLN.
  • I pazienti di età >56 anni con LVI possedevano un rischio del 26,0% (IC 95%: 20,4%–32,2%) di metastasi nel SLN.
  • I pazienti di età >75 anni e senza LVI con melanoma ≤1,2 mm possedevano un rischio del 4,9% (IC 95%: 3,3%–7,1%) di metastasi nei SLN.
  • Disegno dello studio

    • Sono stati inclusi 12.918 pazienti del National Cancer Database affetti da melanoma in stadio T2 con linfonodi clinicamente negativi sottoposti a biopsia del SLN.
    • Finanziamento: nessuno rivelato.

    Limiti

    • Studio osservazionale di un ampio database.