Melanoma: il rischio di endocrinopatia varia in base al tipo di immunoterapia

  • Kassi E & al.
  • Cancer Med
  • 13/09/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’immunoterapia con inibitori di PD1/PDL1 è associata a una maggiore incidenza di endocrinopatie immuno-correlate (immune-related endocrinopathy, irE) rispetto agli agenti anti-CTLA4 nei pazienti affetti da melanoma.

Perché è importante

  • L’immunoterapia è sempre più utilizzata nel melanoma, ma gli eventi avversi (adverse event, AE) di natura endocrina non sono stati pienamente caratterizzati.

Risultati principali

  • L’incidenza totale di irE era dell’11,8% (ipofisite isolata 6,2%, disfunzione tiroidea primaria isolata 3,2% ed entrambe 2,4%).
  • I pazienti che hanno ricevuto terapia anti-PD1/PDL1 presentavano un’incidenza maggiore di irE rispetto ai pazienti che hanno ricevuto terapia anti-CTLA4 (13,4% vs. 5%; P=0,02).
  • I pazienti che hanno ricevuto una terapia sequenziale e/o combinata sia con anti-PD1/PDL1 sia con anti-CTLA4 presentavano un’incidenza maggiore di irE (18,5%) rispetto a quelli trattati con anti-CTLA4 in monoterapia (18,5% vs. 5%; P=0,002).

Disegno dello studio

  • È stata analizzata l’incidenza di endocrinopatie di 339 pazienti affetti da melanoma trattati con immunoterapia.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Limiti

  • Studio con disegno osservazionale.