Melanoma H&N: la pigmentazione post-biopsia è predittiva di una DFS inferiore

  • King BBT & al.
  • Ann Surg Oncol
  • 31/01/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La pigmentazione post-biopsia (postbiopsy pigmentation, PBP) è associata a una sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) inferiore nei pazienti con melanoma cutaneo della testa e del collo (head and neck, H&N).

Perché è importante

  • I risultati giustificano una stretta sorveglianza dei pazienti con PBP. 

Risultati principali

  • Il 34,3% dei pazienti presentava PBP.
  • La DFS mediana era di 12,5 anni.
  • I pazienti con PBP hanno ottenuto DFS (44,1% vs. 73,0%; P
  • La PBP era associata in modo significativo a una DFS inferiore (HR: 1,72; P=0,047) nell’analisi multivariata.
  • Anche età avanzata (HR: 1,02; P=0,006), profondità del tumore (HR: 1,08; P=0,024), ulcerazione (HR: 2,31; P
  • Età avanzata (HR: 1,03; P=0,002), profondità del tumore (HR: 1,15; P=0,009), ulcerazione (HR: 2,74; P

Disegno dello studio

  • Sono stati inclusi 300 pazienti con melanoma cutaneo H&N sottoposti a biopsia del linfonodo sentinella.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Limiti

  • Disegno retrospettivo.