Melanoma: gli eventi cutanei sono predittivi di una migliore risposta all’immunoterapia

  • Chan L & al.
  • J Am Acad Dermatol
  • 21/06/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Gli eventi avversi (adverse event, AE) cutanei sono associati a una migliore sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) dei pazienti con melanoma in stadio IIIC/IV trattati con un inibitore di PD-1 (pembrolizumab o nivolumab).

Perché è importante

  • Questo studio aggiunge evidenze al modello riguardo allo sviluppo di AE immuno-mediati, che è correlato alla risposta al trattamento con immunoterapia.

Risultati principali

  • Il 40,2% dei pazienti ha sviluppato ≥1 AE cutaneo (eczema, reazione lichenoide o depigmentazione simile a vitiligine).
  • I pazienti che hanno sviluppato ≥1 AE cutaneo presentavano un rischio inferiore di progressione della malattia/mortalità (HR: 0,460; P=0,025) rispetto ai pazienti senza AE.
    • Questo risultato era significativo anche nell’analisi con riferimento temporale (landmark) a 6 mesi (HR: 0,45; P=0,045) e a 12 mesi (HR: 0,35; P=0,020).

Disegno dello studio

  • Sono stati analizzati gli AE cutanei e la PFS di 82 pazienti con melanoma in stadio IIIC/IV trattati con pembrolizumab o nivolumab.
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Campione di pazienti di piccole dimensioni.
  • Mancanza di analisi multivariata.