Mef, aumentata spesa nel 2018 a 116 mld di euro


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 12 set. (AdnKronos Salute) - La spesa sanitaria corrente è passata nel periodo 2002-2018 da 78 miliardi di euro a 116 mld di euro, con un incremento in valore assoluto pari a 37 mld e un tasso di crescita medio annuo del 2,4%. Nel 2018, la spesa sanitaria corrente ha registrato un tasso di incremento dell’1,6% rispetto al 2017. Lo rivela il Rapporto sul monitoraggio della sanitaria 2019 pubblicato dal Mef sul proprio sito. Il documento sottolinea che l’aumento della spesa è principalmente dovuto alla farmaceutica ospedaliera e agli acquisti di beni e servizi. Ma è salita anche la spesa per i redditi da lavoro, mentre prosegue il calo della spesa per la farmaceutica convenzionata.

Nel 2018 il 30,8% della spesa corrente è per i redditi del personale sanitario dipendente, il 29,1% per consumi intermedi, il 6,6% per la farmaceutica convenzionata, il 5,9% per l'assistenza della medicina generale convenzionata, il 22,5% per prestazioni private e per il 5,2% per altre componenti di spesa. Valori quasi invariati rispetto al 2017.

Il report evidenzia che dal 2017, dopo anni di calo, è tornato ad aumentare il disavanzo delle Regioni, e nel 2018 questo aumento si è fatto ancora più marcato attestandosi a 1,2 mld. Per quanto riguarda la spesa per i prodotti farmaceutici, comprensiva sia dei costi per farmaci erogati nel corso dei ricoveri ospedalieri che di quelli per la distribuzione diretta e per conto, è aumentata dal 2002 al 2018 di quasi 9 mld di euro, facendo registrare un aumento medio annuo del 10%.