Medici famiglia, 'al lavoro per informare meglio pazienti su vaiolo scimmie'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 mag. (Adnkronos Salute) - Sul vaiolo delle scimmie "i medici di famiglia stanno cercando di acquisire, in questo momento, informazioni per essere pronti a dare tutte le necessarie informazioni ai pazienti. Un compito proprio della nostra professione ma che, per questo specifico tema, può essere fondamentale per evitare ansie degli assistiti che potrebbero essere legate, per esempio, a eruzioni cutanee più frequenti in questa stagione per allergie o punture d'insetto". A dirlo all'Adnkronos Salute Silvestro Scotti, segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg).

"Le reazioni cutanee - continua - in questo periodo in cui la natura si risveglia, sono possibili e possono essere diverse. A partire dalle zanzare, teoricamente, molti insetti, con le loro punture possono dare origini a ponfi ed eruzioni infette possono preoccupare". Per questo, ora, per i medici di famiglia "la cosa importante è raccogliere il maggior numero di informazioni possibile per essere efficaci nella diagnosi, qualora ci fosse un caso alla nostra attenzione, e per differenziarla da altre situazioni più banali che possono essere connesse al periodo stagionale".