Medici emergenza, 'pronto soccorso vicini al collasso'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 10 dic. (Adnkronos Salute) - I medici dell'emergenza lanciano l'allarme "sul possibile collasso" del sistema del pronto soccorso davanti all'avanzare dell'incremento dei casi Covid. Circa un mese fa, era il 17 novembre, la protesta in piazza a Roma a difesa dei pronto soccorso, del servizio di emergenza urgenza e del 118. "Dal Friuli al Trentino, dall’Umbria al Molise, in Lazio, Lombardia, Veneto, Piemonte la quarta ondata Covid sta avanzando da Nord a Sud e con lei gli accessi nei pronto soccorso, luogo simbolo della lotta alla pandemia non dimentichiamolo, il primo punto d’accesso all’ospedale. Avanza in mondo non drammatico, grazie al vaccino che contiene i numeri, ma costante, anche se ci sono ospedali in cui si fatica a ricoverare i pazienti entro le 24-36 ore". E' l'allarme della Simeu, la Società italiana di medicina d'emergenza-urgenza.

"La realtà del Covid ci pone di fronte alle debolezze del sistema ad un prezzo durissimo - rimarcano i medici - si sta nuovamente partendo per combattere l’ennesima battaglia senza un adeguato esercito e senza le giuste armi".

Oggi la maggior parte dei ricoverati per Covid sono persone non vaccinate. "Ciò che invece è drammatico - afferma Beniamino Susi, responsabile nazionale dei rapporti con le Regioni di Simeu e direttore del reparto d'urgenza a Civitavecchia-Bracciano – è l’impossibilità di ricovero di tanti pazienti non Covid. Si stanno convertendo reparti normali in reparti Covid – a volte e per forza di cose anche per pochi pazienti - e questo taglia il numero dei posti letto disponibili per altre patologie. La situazione sta peggiorando anche in regioni storicamente non 'calde' da questo punto di vista come il Piemonte e la Lombardia. I medici sono stanchi, affaticati e vivono una quotidianità deprimente che giorno dopo giorno diventa sempre più insostenibile".

"Le risposte devono arrivare, ora davvero non c’è più tempo - avverte la Simeu - È di oggi anche il nuovo caso di un pronto soccorso andato in tilt a Pescara per un eccesso di richieste di ricoveri in geriatria. I pazienti anziani continuano ad arrivare e non si riesce più ad accoglierli al punto che occorre dirottarli negli ospedali vicini". Il sistema, secondo la Simeu, "sta crollando: cosa deve ancora succedere perché se ne renda conto chi potrebbe intervenire con provvedimenti urgenti e straordinari?"

Secondo Salvatore Manca, presidente nazionale Simeu, "bisogna accordarsi con il ministero dell’Università e della Ricerca affinché gli ospedali diventino luogo di formazione e gli specializzandi vengano mandati e integrati nei servizi ospedalieri da subito, se questo non accadrà i pronto soccorso rischiano veramente di chiudere e questo sarebbe un danno gravissimo alla comunità". Per questo occorre "una programmazione, una visione, una volontà di costruire e di permettere al personale dell’emergenza urgenza di fare bene il proprio lavoro - conclude la Simeu - Intanto bisogna fare qualcosa subito. Anche i cittadini devono aiutare medici ed infermieri a reggere l’urto, a resistere o la quarta ondata rischia di essere lo scossone definitivo".