mCRPC: la terapia aggiuntiva con custirsen non ha successo nella sperimentazione di fase 3 AFFINITY

  • Lancet Oncol

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Custirsen non migliora la sopravvivenza dei pazienti con tumore della prostata resistente alla castrazione metastatico (metastatic castration-resistant prostate cancer, mCRPC) la cui malattia ha subito progressione dopo il trattamento con docetaxel.

Perché è importante

  • Custirsen blocca la proteina clusterina, associata a resistenza al trattamento. 
  • L’analisi post hoc della sperimentazione SYNERGY ha riportato benefici in termini di sopravvivenza con la terapia di prima linea con docetaxel più custirsen.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 3 AFFINITY di 635 pazienti con mCRPC assegnati casualmente a ricevere cabazitaxel più prednisone più custirsen (n=317) o cabazitaxel più prednisone (gruppo di controllo, n=318).
  • Finanziamento: OncoGenex Pharmaceuticals.

Risultati principali

  • L’OS complessiva non differiva tra i 2 gruppi (P=0,53).
  • Nei pazienti con prognosi infausta l’OS era simile in entrambi i gruppi (P=0,80).
  • Il 76% dei pazienti nel gruppo custirsen rispetto al 66% di quelli nel gruppo di controllo ha sviluppato eventi avversi di grado ≥3; i più comuni erano neutropenia (22% vs. 20%), anemia (22% vs. 16%) e astenia (7% vs. 6%).

Limiti

  • Studio in aperto.