Malattie rare, a Trieste videobroncoscopio di ultima generazione


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Trieste, 4 feb. (Adnkronos Salute) - E' stato presentato questa mattina nel reparto di Pneumologia dell'ospedale di Cattinara un videobroncoscopio di ultima generazione: una moderna apparecchiatura per la diagnosi delle malattie rare legate all'apparato respiratorio, donata dall'associazione malattie rare Azzurra. Dal 2000 l'Onlus offre sostegno alle famiglie con figli affetti da gravi patologie e collabora da tempo con la Pneumologia triestina, capofila, non solo regionale, per le malattie rare polmonari e parte della rete europea Ern-Lung.

Il nuovo videobroncoscopio, del valore complessivo di 24 mila euro - riferisce l'azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste (Asuits) - è stato donato grazie a un cospicuo lascito testamentario e al ricavato della giornata europea del gelato artigianale, manifestazione indetta dalla Confartigianato Fvg. Lo strumento rivestirà "un ruolo importante nella pneumologia interventistica, aumentando l'offerta di cure sempre più tecnologicamente avanzate ai pazienti afferenti alla Struttura complessa Pneumologia di Cattinara". Si tratta di un endoscopio bronchiale con telecamera miniaturizzata sulla punta dello strumento, che può essere "fondamentale per la diagnosi di patologie rare del polmone come piccoli tumori, che a volte possono colpire anche persone giovani ed essere confusi con forme di asma bronchiale".

"La donazione - commenta il presidente di Azzurra Onlus, Alfredo Sidari - viene fatta con uno scopo ben preciso: il nostro desiderio è che entrambe le direzioni aziendali, quella dell'ospedale Infantile Burlo Garofolo e quella dell'ospedale di Cattinara, possano garantire e dare continuità assistenziale e risposte concrete alle famiglie con bambini, ragazzi e poi adulti con malattie rare".