Lorenzin, anche per odontoiatria Ssn deve garantire accesso a cure


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 12 ott. (AdnKronos Salute) - "Anche in un settore fortemente sostenuto dall'offerta privata, quale è quello dell'odontoiatria, è comunque importante che il servizio pubblico svolga adeguatamente il suo ruolo, soprattutto per raggiungere le fasce della popolazione a ridotto accesso alle cute". Lo scrive la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, nel messaggio inviato agli odontoiatri dell'Andi che hanno organizzato oggi a Roma un incontro sulla sanità integrativa, durante il quale hanno lanciato un appello ai ministeri competenti perché il sistema integrativo - rimasto in sostanza incompiuto - possa finalmente partire.

La ministra della Salute, ha sottolineato nel suo messaggio Lorenzin, "rivolge grande attenzione alla salute orale, giustificata dalla circostanza che l'incidenza di patologie odontostomatologiche appare ancora troppo elevata. Appare pertanto necessario, anzi indispensabile, attivare tutte le iniziative che facilitino l'accesso alle visite di prevenzione e alle cure". Per garantire l'assistenza, tuttavia, "occorre sviluppare un approccio 'intersettoriale' che veda coinvolte tutte le professionalità pubbliche e private, che possa migliorare la prevenzione e la salute della collettività, come pure rappresentare un valifdo sostegno all'innovazione. Ed è proprio quello che abbiamo cercato di fare in questi anni".

"Il tema della sanità integrativa - ha evidenziato ancora Lorenzin - costituisce una delle sfide più importanti per nostro sistema sanitario. Quando parliamo di modernizzazione del nostro sistema introducendo forme di supporto alla sostenibilità finanziaria del Ssn, nonché di ampliare l'accesso alle cure di una platea più ampia di cittadini, intendiamo la necessità di rivedere gli schemi che ci hanno accompagnato negli anni passati e guardare e guardare in modo pragmatico a modelli nuovi, che vadano a integrare e completare il nostro sistema sanitario".