Lopalco, 'pochi sanitari sospesi in Puglia, reintegrati in mansioni alternative'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 3 nov. (Adnkronos Salute) - In Puglia gli "operatori sanitari sospesi perché non vaccinati" contro Covid-19 "sono pochi", ma il reintegro anticipato, in base primo decreto legge del Governo Meloni, "è in corso anche in questa regione", sebbene con qualche differenza visto che "i non vaccinati non possono tornare in corsia essendo in vigore la legge regionale". Lo spiega all'Adnkronos Salute Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all'Università del Salento, che è stato anche assessore alla Sanità pugliese. "Si tratta di numeri molto bassi - sottolinea - per i quali le direzioni devono trovare una collocazione alternativa".