Lombardia, recuperati 17mila interventi e 530mila visite perse

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 24 feb. (Adnkronos Salute) - In Lombardia nel secondo semestre del 2021 sono state recuperate quasi 530mila (529.438) prestazioni ambulatoriali e 17mila ricoveri per interventi chirurgici, di cui 4mila in ortopedia, che erano stati rimandati a causa della pandemia di Covid-19. L'82% delle prestazioni è stato recuperato nell'ultimo trimestre dell'anno, da ottobre a dicembre. Lo comunica in una nota la direzione generale Welfare della Regione, precisando che le specialità maggiormente coinvolte sono state radiologia diagnostica (199.730 prestazioni recuperate), cardiologia (103.310) e medicina fisica della riabilitazione (38.509).

"L'impatto della pandemia è stato molto pesante e dispendioso per la sanità lombarda - afferma la vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti - La campagna vaccinale, durante la quale sono state somministrate 23,3 milioni di dosi di vaccino, ha assorbito risorse e personale. In 2 anni di pandemia sono stati curati negli ospedali lombardi 160mila pazienti per Covid, più di 8mila nelle terapie intensive - aggiunge - Adesso che il numero dei contagiati e dei ricoverati sta scendendo grazie al vaccino e la campagna vaccinale per la terza dose si avvia verso la fase conclusiva, l'obiettivo primario della sanità lombarda e il mio impegno personale è lavorare alacremente per la riduzione delle liste d'attesa. Lo ritengo anche un tema di giustizia sociale: garantire a tutte le fasce sociali della popolazione un rapido accesso alla diagnostica, alla cura e a tutte le prestazioni che offre il servizio sanitario regionale".