Lobectomia robotica rispetto a cielo aperto: qual è migliore per l’NSCLC in stadio I?

  • Ann Thorac Surg

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La lobectomia robotica nel tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio I è associata a un numero maggiore di linfonodi esaminati e a esiti a breve termine migliori rispetto alla lobectomia a cielo aperto, senza alcuna differenza in termini di aumento dello stadio dei linfonodi o di sopravvivenza.

Perché è importante

  • Studi suggeriscono che le tecniche minimamente invasive come le piattaforme robotiche sono associate a degenze ospedaliere più brevi e a un migliore controllo del dolore rispetto alla resezione a cielo aperto nel tumore polmonare, ma la ricerca sull’efficacia oncologica ha ottenuto risultati contrastanti.

Disegno dello studio

  • Pazienti con NSCLC in stadio I del National Cancer Database sottoposti a lobectomia a cielo aperto (n=50.186) o a lobectomia robotica (n=7.452) tra il 2010 e il 2015.
  • Appaiamento in base all’indice di propensione di 7.452 coppie di pazienti.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • L’uso di lobectomia robotica è aumentato durante lo studio, passando dal 3% al 14%.
  • I pazienti sottoposti a lobectomia robotica presentavano un numero mediano significativamente maggiore di linfonodi esaminati (10 vs. 8; P10 linfonodi esaminati.
  • I pazienti nel gruppo sottoposto a lobectomia robotica hanno avuto ricoveri di durata mediana inferiore (4 vs. 5 giorni; P
  • Nessuna differenza tra gruppi in termini di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), aumento dello stadio dei linfonodi, tassi di margini positivi o uso di chemioterapia adiuvante.

Limiti

  • Mancanza di dati sulla recidiva.