Lo screening per il tumore polmonare come opportunità di prevenzione cardiovascolare


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • I pazienti sottoposti a TC a basso dosaggio (LDCT) in un programma di screening per il tumore del polmone hanno un’alta prevalenza di malattia coronarica e presentano un alto rischio cardiovascolare.
  • Meno della metà dei pazienti eleggibili utilizzano le statine.
  • Lo screening per il tumore del polmone offre un’opportunità per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari in pazienti ad alto rischio.

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio ha riguardato i partecipanti al Lung Screen Uptake Trial (LSUT) che ha arruolato fumatori ed ex-fumatori di 60-75 anni in uno stato di deprivazione socioeconomica, a cui è stato proposto un “check-up dei polmoni”.
  • I partecipanti che soddisfacevano i requisiti previsti dall’US Preventative Services Task Force (USPSTF) sono stati sottoposti a LDCT senza contrasto (ungated).
  • È stata fatta una valutazione del rischio cardiovascolare; usando l’algoritmo QRISK2 è stato stimato il rischio a 10 anni di malattie cardiovascolari.
  • Fonti di finanziamento: Cancer Research UK e altre fonti pubbliche e private non-profit.

 

Risultati principali

  • L’analisi finale ha incluso 680 partecipanti.
  • Il 61,9% dei partecipanti presentava una calcificazione delle arterie coronarie, che nel 7,2% dei partecipanti era grave.
  • Il 98% dei partecipanti aveva un QRISK2≥10%; il QRISK2 si associava in modo positivo a un grado più elevato di calcificazione delle coronarie (OR 4,29 [IC 95% 0,93-19,88] per QRISK2=10%-20% e OR 12,29 [2,68-56,1] per QRISK2≥20%).
  • Il 56,8% dei soggetti qualificati per la prevenzione primaria con statine (QRISK2≥10%) non riportava una storia di trattamento con questi farmaci.
  • In un’analisi multivariata, l’uso di statine si associava a età, indice di massa corporea e una storia di ipertensione e diabete.

 

Limiti dello studio

  • La calcificazione delle coronarie è stata classificata visivamente e non con lo score di Agatstone

 

Perché è importante

  • I soggetti a cui è diretto lo screening per il tumore del polmone (fumatori ed ex-fumatori) presentano fattori di rischio cardiovascolare.
  • Il grading della calcificazione delle coronarie effettuato mediante LDCT è veloce e può essere usato come fattore motivante per il paziente che deve iniziare e proseguire con costanza la terapia con statine e quella antipertensiva.