Lo screening dell’HCC è altamente sottoutilizzato nei pazienti cirrotici

  • Clin Gastroenterol Hepatol

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Lo screening del carcinoma epatocellulare (hepatocellular carcinoma, HCC) è gravemente sottoutilizzato nei pazienti cirrotici; più della metà non viene sottoposto a screening nei 3 anni prima della diagnosi di tumore.

Perché è importante

  • Lo screening regolare quasi raddoppia la probabilità di una diagnosi precoce e riduce significativamente il rischio di mortalità.

Disegno dello studio

  • 13.714 pazienti con diagnosi di HCC tra il 2003 e il 2013 del database Surveillance, Epidemiology, and End Results.
  • Finanziamento: Center for Innovations in Quality, Effectiveness, and Safety; altri.

Risultati principali

  • Nel 22% dei pazienti la diagnosi di cirrosi risaliva a prima dello studio; il 21% dei pazienti ha ricevuto la diagnosi di cirrosi durante lo studio.
  • Nei 3 anni prima della diagnosi di HCC il 51,1% dei pazienti non era stato sottoposto a screening dell’HCC, il 42,1% era stato sottoposto a screening non regolare e il 6,8% aveva ricevuto screening regolare.
  • Lo screening era maggiore nei pazienti con cirrosi accertata (53,2% non regolare e il 18,5% regolare).
  • Il numero di pazienti non sottoposti a screening è diminuito durante lo studio, passando dal 52,5% al 49,6%.
  • L’individuazione precoce del tumore era associata in modo significativo a screening regolare (aOR: 1,98; IC 95%: 1,68–2,33) e non regolare (aOR: 1,31; IC 95%: 1,20–1,43) rispetto a mancanza di screening.
  • Una mortalità inferiore era più probabile in caso di screening regolare (HR: 0,73; IC 95%: 0,67–0,79) e non regolare (HR: 0,85; IC 95%: 0,81–0,88) rispetto a mancanza di screening.

Limiti

  • Studio retrospettivo.