LMC: nilotinib è migliore di altri TKI in termini di efficacia secondo una metanalisi di rete

  • Fachi MM & al.
  • Eur J Cancer
  • 05/10/2018

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi di rete indica che nilotinib è migliore in termini di efficacia rispetto ad altri inibitori tirosin-chinasici (tyrosine kinase inhibitor, TKI) utilizzati per trattare la leucemia mieloide cronica (LMC).

Perché è importante

  • Gli autori suggeriscono che nilotinib dovrebbe essere promosso a terapia di prima linea per l’LMC.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di rete di 13 sperimentazioni randomizzate e controllate (randomized controlled trial, RCT; n=5.079) che soddisfacevano i criteri di eleggibilità dopo una ricerca su PubMed, Scopus, Web of Science e SciELo.
  • Le RCT hanno valutato imatinib, nilotinib, dasatinib, bosutinib, radotinib e ponatinib.
  • La metanalisi di rete ha valutato i TKI in termini di 6 esiti a 12 mesi: risposta citogenetica completa (complete cytogenetic response, CCyR), risposta citogenetica maggiore (major cytogenetic response, MCyR), risposta molecolare profonda, risposta molecolare maggiore (major molecular response, MMR), risposta ematologica completa e incidenza di eventi avversi gravi (serious adverse event, SAE).
  • Sono state condotte analisi dell’ordine di classificazione e dell’area sotto la curva di classificazione cumulativa (surface under the cumulative ranking curve, SUCRA; intervallo: 0%–100%) per ogni esito.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Nilotinib 600 mg è risultato il TKI più efficace, con punteggi SUCRA del 61,1% per CCyR, 81,0% per MMR e 90,0% per MCyR.
  • Non erano disponibili dati sui SAE di nilotinib.
  • Imatinib 400 mg era il TKI più sicuro, con il punteggio SUCRA più basso, del 10,3%, per i SAE, ma con una scarsa efficacia dimostrata.

Limiti

  • Poche RCT su nuovi TKI.
  • La qualità metodologica delle RCT incluse era da bassa a moderata.