LMC in fase cronica: bosutinib e imatinib ottengono un effetto simile sulla QoL

  • Cortes JE & al.
  • J Cancer Res Clin Oncol
  • 15/04/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo gli esiti riferiti dai pazienti (patient-reported outcome, PRO) dello studio di fase 3 BFORE sulla terapia di prima linea con busitinib rispetto a imatinib in pazienti affetti da leucemia mieloide cronica in fase cronica (LMC-FC) di nuova diagnosi, entrambi i gruppi di trattamento evidenziano un mantenimento o un miglioramento della qualità della vita correlata alla salute (health-related quality of life, HRQoL).

Perché è importante

  • Nello studio BFORE bosutinib ha ottenuto un tasso significativamente più elevato di risposta molecolare maggiore a 12 mesi rispetto a imatinib.

Disegno dello studio

  • Analisi dei PRO come obiettivo esplorativo della sperimentazione di fase 3 BFORE di bosutinib (n=246) rispetto a imatinib (n=241) in pazienti con LMC-FC di nuova diagnosi.
  • I PRO sono stati valutati utilizzando i questionari Valutazione funzionale della terapia oncologica per la leucemia (Functional Assessment of Cancer Therapy-Leukemia, FACT-Leu) ed EuroQoL a 5 dimensioni (EQ-5D).
  • Finanziamento: Avillion LLP; Pfizer Inc.

Risultati principali

  • Miglioramento/mantenimento dell’HRQoL il mese 12 in entrambi i gruppi di trattamento secondo tutti i punteggi combinati e delle sottoscale del questionario FACT-Leu. 
  • Nessuna differenza significativa tra gruppi di trattamento in nessuna sottoscala del questionario FACT-Leu il mese 12 nei modelli a effetti misti con misure ripetute.
  • Miglioramento significativo dei punteggi medi delle scale visivo-analogiche (visual analog scale, VAS) del questionario EQ-5D in entrambi i gruppi di trattamento dopo 12 mesi.
  • Nei modelli a effetti misti con misure ripetute dei punteggi del questionario EQ-5D non sono emerse differenze significative tra gruppi di trattamento nei punteggi di mobilità, cura di sé, attività abituali, dolore/fastidio, ansia/depressione, stato di salute oggi o utilità a 12 mesi.

Limiti

  • Dati autoriferiti.