LMC: i sopravvissuti presentano un rischio innalzato di sviluppare un tumore maligno secondario

  • Jamy O & al.
  • Leuk Res
  • 13/05/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti con leucemia mieloide cronica (LMC) presentano un rischio significativamente maggiore di sviluppare una seconda neoplasia maligna (second malignant neoplasm, SMN).
  • Il rischio è massimo negli uomini e più pronunciato per i tumori delle vie respiratorie, del tratto genitourinario (GU) e della pelle.

Perché è importante

  • Dato il continuo miglioramento della sopravvivenza dei pazienti con LMC, esiste una maggiore necessità di chiarire il rischio di complicanze tardive.

Disegno dello studio

  • Studio volto a esaminare il rischio di SMN in 3.407 pazienti con LMC.
  • I dati sono stati ottenuti dai registri oncologici del Surveillance Epidemiology and End Results (SEER-18) per i pazienti con diagnosi di LMC tra il 2001 e il 2014.
  • Finanziamento: nessuno.  

Risultati principali

  • Il 4,99% dei pazienti ha sviluppato una SMN in una mediana di 36,5 mesi (intervallo: 6–160 mesi) dopo la diagnosi di LMC.
  • Il rapporto standardizzato di incidenza (standardized incidence ratio, SIR) per le SMN era 1,40 (IC 95%: 1,19–1,62).
  • Aumento significativo del rischio dei seguenti tipi di tumori:
    • vie respiratorie (SIR=1,69; IC 95%, 1,15–2,4);
    • tratto GU (SIR=1,39; IC 95%, 1,04–1,81);
    • tumore della pelle, ad esclusione del carcinoma basocellulare e del carcinoma a cellule squamose (SIR=1,94; IC 95%, 1,04–3,32).
  • Il rischio di SMN era innalzato negli uomini: SIR=1,57; IC 95%, 1,29–1,88.
  • I pazienti con tumori maligni del GU dopo la LMC hanno evidenziato una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) inferiore (P=0,018) rispetto ai pazienti appaiati con tumori maligni de novo.

Limiti

  • Dati retrospettivi.