LMA: la reinduzione immediata non determina alcun vantaggio nei pazienti che presentano risultati indeterminati nel midollo osseo il giorno 14

  • Jamy O & al.
  • Clin Lymphoma Myeloma Leuk
  • 28/09/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti affetti da leucemia mieloide acuta (LMA) di nuova diagnosi che il giorno 14 evidenziano risultati nel midollo osseo (bone marrow, BM) indeterminati per quanto riguarda la risposta alla terapia di induzione, la reinduzione immediata non offre alcun vantaggio significativo rispetto all’osservazione in termini di risposta complessiva, sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana o sopravvivenza libera da recidiva (relapse-free survival, RFS).

Perché è importante

  • Il 10%–40% dei pazienti in questo quadro non ottiene remissione completa con la terapia di induzione contenente antracicline.

Disegno dello studio

  • Studio per valutare la strategia di osservazione (n=25) rispetto alla reinduzione immediata (n=25) in 50 pazienti affetti a LMA di nuova diagnosi che presentavano risultati indeterminati nel BM nella scansione del giorno 14 per valutare la risposta all’induzione.
  • Età mediana dei pazienti di 57 anni (intervallo: 19–73 anni).
  • Il 48% di ciascun gruppo presentava malattia a rischio sfavorevole in base alle anomalie citogenetiche e molecolari.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Nessuna differenza significativa tra gruppi di trattamento in termini di:
    • risposta complessiva, 80% in entrambi i gruppi (P=1,0);
    • OS mediana, 13 mesi in caso di reinduzione rispetto a 21 mesi in caso di osservazione (P=0,88);
    • RFS, 13 mesi in caso di reinduzione rispetto a 33 mesi in caso di osservazione (P=0,53).

Limiti

  • Campione di dimensioni limitate.