LLC: ofatumumab in monoterapia è efficace nei pazienti anziani con comorbilità

  • Vitale C & al.
  • J Geriatr Oncol
  • 17/04/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti anziani con leucemia linfocitica cronica (LLC) e comorbilità, il trattamento con ofatumumab in monoterapia è ben tollerato e ottiene una risposta in più di 7 pazienti su 10.  

Perché è importante

  • Molti pazienti ricevono terapia iniziale per LLC a circa 75 anni di età, quando uno scarso stato di validità e la presenza di comorbilità possono limitare le opzioni terapeutiche.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2 volto a esaminare ofatumumab in monoterapia in pazienti anziani con scarso Performance status e con comorbilità, normalmente non idonei all’arruolamento in sperimentazioni cliniche.
  • Tutti i pazienti avevano un’età ≥65 anni (età mediana dei pazienti di 73 anni; intervallo: 65–87 anni) e presentavano un Performance status secondo l’Eastern Cooperative Oncology Group di 2/3 o un indice di comorbilità di Charlson ≥2.
  • Finanziamento: National Comprehensive Cancer Network Oncology Research Program finanziato da Novartis.  

Risultati principali

  • Risposta complessiva del 72%.
  • Il 19% dei pazienti ha ottenuto una risposta completa.
  • Sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana di 21 mesi (IC 95%: 9–32 mesi).  
  • L’87% dei pazienti era stimato in vita all’ultimo follow-up.
  • Le reazioni correlate all’infusione rappresentavano gli eventi avversi (adverse event, AE) correlati al trattamento più comuni; solo il 3% era di grado 3.
  • Ulteriori AE correlati al trattamento di grado 3 includevano diarrea, nausea, vomito, iperglicemia, embolia polmonare e reazione allergica.
  • Non sono stati osservati AE di grado 4.

Limiti

  • Studio in aperto.