LLC: le interruzioni della terapia con ibrutinib sono associate a esiti infausti

  • Parikh SA & al.
  • Cancer Med
  • 18/03/2020

  • Pavankumar Kamat
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le interruzioni della somministrazione di ibrutinib sono associate a una sopravvivenza libera da eventi (event-free survival, EFS) e una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) di durata inferiore nei pazienti con leucemia linfocitica cronica (LLC).

Perché è importante

  • Il profilo di tossicità, l’aderenza e i tassi di interruzione della terapia con ibrutinib potrebbero differire nella normale pratica clinica rispetto alle sperimentazioni cliniche.

Disegno dello studio

  • Uno studio retrospettivo monocentrico ha correlato le modificazioni della dose e le interruzioni temporanee della terapia con ibrutinib con gli esiti di 299 pazienti affetti da LLC trattati al di fuori dell’ambito della sperimentazione clinica.
  • Finanziamento: Pharmacyclics. 

Risultati principali

  • Motivi principali dell’interruzione temporanea della terapia con ibrutinib:
    • tossicità non ematologica (54%);
    • procedure chirurgiche (29%);
    • tossicità ematologica (10%) e
    • altro (7%).
  • Secondo le analisi multivariabili: 
    • l’interruzione temporanea della terapia con ibrutinib (HR=2,37; P=0,006) e alterazioni di TP53 al momento dell’avvio della terapia con ibrutinib (HR=1,81; P=0,048) erano associate a una EFS più breve.
    • La sola presenza di alterazioni di TP53 (HR=2,38; P=0,015) era associata a una OS inferiore.
  • Gli effetti dell’interruzione temporanea della somministrazione non hanno raggiunto la soglia di significatività statistica (HR=1,98; P=0,06).

Limiti

  • Follow-up breve (
  • La comprensione delle tossicità correlate a ibrutinib e gli aspetti gestionali potrebbero essere progrediti durante lo studio.
  • Sostituti di ibrutinib approvati durante lo studio potrebbero aver cambiato la pratica clinica.