LLC: acalabrutinib offre un alto tasso di risposta nei pazienti intolleranti a ibrutinib

  • Awan FT & al.
  • Blood Adv
  • 14/05/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Acalabrutinib, un nuovo inibitore della tirosin-chinasi di Bruton, dimostra tollerabilità e risposta di alto livello nei pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) intolleranti a ibrutinib.

Perché è importante

  • Ibrutinib ha dimostrato un’eccellente efficacia in questo quadro; tuttavia, il 9%–23% dei pazienti sviluppa effetti avversi che limitano il trattamento.

Disegno dello studio

  • Studio volto a esaminare acalabrutinib in monoterapia in 33 pazienti con LLC intolleranti a ibrutinib.
  • Età mediana dei pazienti di 64 anni (intervallo: 50–82 anni).
  • Molti pazienti presentavano malattia ad alto rischio.
  • I pazienti hanno ricevuto una mediana di 4 terapie precedenti (intervallo: 2–13).
  • Finanziamento: National Cancer Institute; National Institutes of Health, Acerta Pharma.

Risultati principali

  • Tasso di risposta complessiva (overall response rate, ORR; definita come risposta parziale con linfocitosi [partial response with lymphocytosis, PRL] o migliore [≥PRL]) del 75,8% (IC 95%: 57,7%–88,9%).
  • Remissione completa del 3,0%.
  • Tutti i pazienti hanno ottenuto quantomeno malattia stabile.
  • Tempo mediano alla ≥PRL di 1,9 mesi (intervallo: 1,6–19,2 mesi).
  • La durata della risposta (duration of response, DOR) mediana non è stata raggiunta.
  • L’82% (IC 95%: 59%–93%) dei pazienti ha ottenuto una DOR di ≥12 mesi.
  • Il 70% dei pazienti era ancora in terapia con acalabrutinib dopo una mediana di 19,0 mesi (intervallo: 0,7–30,6 mesi).
  • Per nessun paziente erano necessarie riduzioni della dose di acalabrutinib.
  • Gli eventi avversi (adverse event, AE) di grado ≥3 osservati in >3% dei pazienti includevano neutropenia (12%) e trombocitopenia (9%).
  • Solo 3 pazienti hanno interrotto il trattamento con acalabrutinib a causa di AE.

Limiti

  • Campione di dimensioni limitate.