LLA secondaria: l’OS è peggiore rispetto alla malattia de novo in tutte le fasce d’età

  • Zhong J, et al.
  • Clin Lymphoma Myeloma Leuk
  • 30/04/2020

  • Pavankumar Kamat
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nella leucemia linfoblastica acuta (LLA), la sopravvivenza peggiora all’aumentare dell’età e la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) è peggiore negli adulti con LLA secondaria rispetto a quelli con LLA de novo.

Perché è importante

  • Sebbene regimi chemioterapici migliorati e nuove chemioterapie per la LLA abbiano aumentato i tassi di remissione completa, la LLA secondaria rimane comune.

Disegno dello studio

  • Analisi retrospettiva di 8.305 pazienti con LLA (de novo: 7.454; secondaria: 851) sottoposti a chemioterapia, identificati nel database Surveillance, Epidemiology, and End Results.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Le donne con LLA presentavano un rischio inferiore di mortalità rispetto agli uomini: HR=0,93 (P
  • La mortalità dei pazienti di colore era maggiore rispetto a quella dei pazienti caucasici: HR=1,29 (P
  • In entrambi i gruppi con LLA, rispetto ai pazienti più giovani, il rischio di mortalità (HR) era molto più elevato nei pazienti di età:
    • 45-75 anni, 1,82 (P
    • 75 anni, 3,85 (P
  • Dopo l’appaiamento in base all’indice di propensione, l’OS a 1, 2, 3, 4 e 5 anni era maggiore nel gruppo con LLA de novo rispetto al gruppo con LLA secondaria, in tutte le fasce di età (18-75 anni; P

Limiti

  • Non erano disponibili per l’analisi dati personalizzati sulla chemioterapia.