LLA pediatrica: evoluzione degli effetti tardivi del trattamento nei sopravvissuti

  • Mulrooney DA & al.
  • Lancet Haematol
  • 08/05/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei sopravvissuti alla leucemia linfoblastica acuta (LLA) pediatrica gli effetti tardivi del trattamento permangono e hanno subito un’evoluzione con l’avvento delle strategie terapeutiche più nuove.

Perché è importante

  • Il successo delle terapie sempre più nuove in questo quadro è stato ben documentato, ma gli effetti emergenti a lungo termine pertinenti non altrettanto.

Disegno dello studio

  • Studio volto a esaminare gli esiti a lungo termine di 980 sopravvissuti alla LLA pediatrica rispetto a 272 soggetti appaiati di controllo.
  • I dati sono stati ottenuti dallo studio di coorte di follow-up per tutta la vita dell’ospedale St. Jude (St. Jude Lifetime, SJLIFE).
  • I sopravvissuti sono stati trattati con protocolli diversi tra il 1962 e il 2007.
  • Finanziamento: contributo Cancer Center Support (CORE) al St Jude Children’s Research Hospital; American Lebanese Syrian Associated Charities.

Risultati principali

  • Numero medio di patologie a 30 anni di età:
    • 3,2 (IC 95%: 2,9–3,4) patologie di grado 2–4 in un singolo sopravvissuto alla LLA rispetto a 1,2 (IC 95%: 1,0–1,4) nei soggetti di controllo.
  • La maggior parte dei pazienti trattati tra il 1962 e il 1991 ha ricevuto chemioradioterapia profilattica; le patologie di grado 2–4 associate includevano tumori maligni successivi, sequele neurologiche, endocrinopatie e complicanze infettive.
  • Nei pazienti trattati con protocolli recenti nel periodo 1991–2007:
    • gli effetti predominanti includevano effetti muscolo-scheletrici ed endocrini;
    • la disfunzione ipotalamica è diminuita, parallelamente al minor uso di radioterapia cranica;
    • le compromissioni del metabolismo del glucosio sono diventate più evidenti.

Limiti

  • Dati retrospettivi.