LLA: la terapia aggiuntiva con rituximab non evidenzia alcun beneficio in termini di sopravvivenza nella fase 3 di sperimentazione

  • BSH 2020.
  • 27/04/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aggiunta di rituximab alla chemioterapia di induzione non migliora gli esiti dei pazienti con leucemia linfoblastica acuta a precursori delle cellule B (B-LLA).
  • Il livello di espressione di CD20 non è correlato alla risposta a rituximab.
  • I pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali con condizionamento mieloablativo (myeloablative allogeneic stem cell transplant, MAallaSCT) dopo la terapia di induzione ottengono un beneficio significativo con rituximab.

Perché è importante

  • I risultati giustificano ulteriore ricerca per identificare i pazienti con LLA che potrebbero ottenere benefici da rituximab.

Disegno dello studio

  • Analisi primaria della sperimentazione di fase 3, randomizzata UKALL14.
  • 577 pazienti affetti da B-LLA di età compresa tra 25 e 65 anni sono stati assegnati casualmente a ricevere la chemioterapia di induzione standard di cura (standard of care, SOC) con o senza rituximab.
  • Finanziamento: Cancer Research UK.

Risultati principali

  • Gruppo trattato con SOC e gruppo che ha ricevuto la terapia aggiuntiva con rituximab non hanno evidenziato alcuna differenza significativa in termini di:
    • remissione completa, 92,7% rispetto a 94,8%;
    • malattia residua minima, 42,2% rispetto 41,8%.
  • Gli eventi avversi/eventi avversi seri e la mortalità senza recidiva erano simili tra i 2 gruppi.
  • Dopo un follow-up mediano di 50,5 mesi la sopravvivenza libera da eventi (event-free survival, EFS) a 3 anni non differiva significativamente tra SOC e terapia aggiuntiva con rituximab (41,9% vs. 48,7%; HR=0,88; P=0,28). 
  • L'espressione di CD20 sulla superficie cellulare non ha evidenziato alcuna interazione significativa.
  • La percentuale di blasti esprimenti CD20 era un fattore prognostico infausto indipendente:
    • livelli di CD20 >20% rispetto a
  • Tra i pazienti che hanno ricevuto MAallaSCT, è stato osservato un miglioramento significativo dell’EFS nel gruppo trattato con rituximab (HR=0,47; P=0,03).