Linfomi a cellule B aggressivi: il BMI femminile è legato agli esiti con R-CHOP-14

L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano Registrati per accedere ai contenuti

Conclusioni

  • Nelle donne di 60 anni con linfomi a cellule B aggressivi trattate con R-CHOP-14 (rituximab + ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina e prednisolone a intervalli di 14 giorni) l’obesità era un fattore di rischio di sopravvivenza libera da eventi (event-free survival, EFS),...