Linfedema correlato al tumore mammario: la terapia di fotobiomodulazione non è efficace

  • Chen HY & al.
  • Complement Ther Med
  • 01/12/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi indica che mancano evidenze di efficacia della terapia di fotobiomodulazione (photobiomodulation therapy, PBMT), una cura di supporto per il linfedema correlato al tumore mammario (breast cancer-related lymphedema, BCRL).
  • Sono stati osservati miglioramenti lievi, ma insignificanti, della circonferenza e del volume del braccio, ma non del dolore e della forza di presa.

Perché è importante

  • Il PBMT, precedentemente noto come terapia laser a basso livello, è una terapia di supporto ampiamente utilizzata, approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) per il BCRL.
  • I risultati suggeriscono che sono necessarie sperimentazioni più ampie per valutare l’efficacia e la sicurezza a lungo termine della PBMT.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 6 sperimentazioni randomizzate e controllate (n>200) dopo una ricerca su PubMed, EmBASE, PEDro, SCOPUS, CINAHL e Cochrane Central Register of Controlled Trials.
  • Gli esiti primari erano la circonferenza o il volume del braccio.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • La PBMT ha evidenziato una riduzione lieve ma insignificante della circonferenza del braccio (differenza media standardizzata [standardized mean difference, SMD]: -0,52 [IC 95%: da -0,52 a 0,42] dopo un trattamento di 1 mese e -0,33 [IC 95%: da -0,88 a 0,23] dopo 3 mesi) e del volume del braccio (SMD; -0,53; IC 95%: da -1,10 a 0,04 dopo 1 mese, ma non dopo 3 mesi).
  • Non sono stati osservati miglioramenti significativi della forza di presa e del dolore.

Limiti

  • Piccolo numero di studi e soggetti.
  • Eterogeneità tra gli studi.