Libro verde danni d'organo Covid, esperti 'non vanno sottovalutati'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 24 nov. (Adnkronos Salute) - Dopo 20 mesi di pandemia, nuove varianti del virus e successi della campagna vaccinale, gli scenari futuri sono ancora incerti. Ciò che si può rilevare con sicurezza sono alcune fotografie di determinate fasi, destinate a delineare alcuni aspetti essenziali dell'epidemia. Proprio a uno di questi momenti si rivolge il 'Libro verde sui danni d'organo', che nel corso dell'inverno 2020-2021 ha raccolto analisi e testimonianze di specialisti di diverse discipline (Infettivologia, Dermatologia, Virologia, Pneumologia, Neurologia) per spiegare la natura multisistemica del Covid-19. "Con questa raccolta di contributi si vuole offrire uno strumento per la definizione di linee guida nella gestione della patologia", sottolineano i curatori. Il libro è istato presentato a Roma durante una tavola rotonda.

"La sindrome Long Covid colpisce la salute mentale e può avere conseguenze economiche significative per il singolo, ma anche per le famiglie dei soggetti affetti e più in generale per la società - sottolineano nella prefazione del libro il direttore Prevenzione del ministero della Salute, Giovanni Rezza, e Andrea Silenzi - Recenti evidenze confermano l'interessamento anche della fascia pediatrica, generalmente considerata meno esposta agli effetti acuti dell'infezione, ma invece esposta a quelli a lungo termine in diverse forme. Per tutti questi motivi le risposte politiche devono tenere conto della complessità di questo fenomeno e di come la conoscenza in questo ambito sia in rapida evoluzione".

"Già gli studi relativi ai primi mesi di pandemia rivelavano come il Covid-19 fosse una malattia multisistemica, in grado di causare danni anche in altri organi e apparati. Le esperienze cliniche maturate nel corso del 2021 hanno analizzato le molteplici manifestazioni che si possono presentare anche in diverse fasi", hanno evidenziato gli esperti intervenuti.

"Gli effetti del Covid a lungo termine, il cosiddetto Long Covid - hanno rimarcato - possono avere un serio impatto sulla capacità delle persone di tornare al lavoro o di avere una vita sociale e sono frequenti anche nei bambini, anche nei casi in cui questi abbiano avuto un'infezione apparentemente poco sintomatica: se infatti il Covid si manifesta con la replicazione del virus in presenza della malattia, il Long Covid è una reazione immunitaria alla patologia che si può rivolgere contro lo stesso organismo. Sintomi come diarrea, difficoltà respiratoria, miocardite, patologie psichiatriche, perdita di peso, astenia possono dunque caratterizzare il decorso successivo alla malattia".