Leucemia mieloide acuta: la terapia antimicrobica profilattica previene le infezioni potenzialmente letali nei pazienti pediatrici

  • Yeh TC & al.
  • Sci Rep

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La profilassi antimicrobica riduce significativamente le infezioni del torrente circolatorio (bloodstream infection, BSI), le infezioni fungine invasive (invasive fungal infection, IFI) e la neutropenia febbrile (febbrile neutropenia, FN) dei pazienti pediatrici affetti da leucemia mieloide acuta (LMA) trattati con chemioterapia.

Perché è importante

  • Nonostante il miglioramento significativo degli esiti della LMA pediatrica osservato negli ultimi decenni, il rischio di infezioni potenzialmente letali nei pazienti sottoposti a chemioterapia persiste.

Disegno dello studio

  • Uno studio osservazionale ha incluso 90 bambini affetti da LMA di nuova diagnosi trattati con chemioterapia di induzione o chemioterapia ad alto dosaggio o a dosaggio moderato dopo la remissione.
  • 28 di essi hanno ricevuto profilassi antimicrobica che includeva ciprofloxacina, voriconazolo e vancomicina.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Durante il periodo di profilassi è stata osservata, rispetto al periodo precedente la profilassi, una riduzione significativa degli episodi di:
    • BSI (Gram-negativi, 5% vs. 12%; P=0,002; Gram-positivi, 1% vs. 5%; P=0,024);
    • IFI (0% vs. 4%; P=0,003).
  • Nel periodo di profilassi è stata inoltre osservata, rispetto al periodo precedente la profilassi, una riduzione significativa degli episodi di NF durante:
    • la chemioterapia di induzione (78% vs. 99%; P<0,001);
    • la chemioterapia ad alto dosaggio (64% vs. 94%; P<0,001);
    • la chemioterapia a dosaggio moderato (27% vs. 58%; P<0,001).

Limiti

  • Disegno osservazionale.
  • Campione di piccole dimensioni.