Leucemia/linfoma: dati di sicurezza a lungo termine per le cellule T CAR

  • 28/07/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • 3 recenti studi riportano il follow-up a lungo termine della terapia a base di cellule T con recettore antigenico chimerico (chimeric antigen receptor, CAR) anti-CD19.

Perché è importante

  • Sono disponibili dati limitati sugli eventi a lungo termine dopo questa nuova terapia.

Principali aggiornamenti

  • Studio di 43 pazienti con linfoma a cellule B e leucemia linfatica cronica che hanno ricevuto cellule T CAR anti-CD19 precedute da chemioterapia di condizionamento con ciclofosfamide più fludarabina.
    • Il tasso complessivo di remissione era del 76% (remissione completa [complete remission, CR]: 54%; remissione parziale: 22%).
    • I pazienti che hanno ottenuto CR presentavano livelli ematici di picco mediani di CAR maggiori rispetto a quelli che non hanno ottenuto CR (86 vs. 16 cellule CAR+/µl; P=0,0041).
    • Gli effetti avversi a lungo termine erano rari, ad eccezione di deplezione delle cellule B e ipogammaglobulinemia, entrambe migliorate nel tempo.
  • Studio di 40 pazienti con leucemia linfatica cronica, linfoma non Hodgkin e leucemia linfoblastica acuta recidivanti/refrattari.
    • Il 47,5% dei pazienti ha riferito ≥1 difficoltà cognitiva e/o depressione e/o ansia clinicamente significative e il 17,5% ha ottenuto un punteggio ≤40 della salute mentale globale.
    • Età inferiore, ansia o depressione prima della terapia con cellule T CAR e neurotossicità acuta erano fattori di rischio di problemi neuropsichiatrici a lungo termine.
  • Studio di 86 adulti trattati con cellule T CAR anti-CD19 per linfoma non Hodgkin recidivante/refrattario.
    • Il follow-up mediano era di 28,1 mesi.
    • Il 67% dei pazienti aveva avuto ipogammaglobulinemia/terapia sostitutiva con immunoglobuline documentata. 
    • Su 15 pazienti sottoposti precedentemente a trapianto allogenico di cellule ematopoietiche, 3 hanno sviluppato malattia del trapianto contro l’ospite 1,9-3,2 mesi dopo l’infusione di cellule T CAR.