Lettera ministero a Bevere, 'non è più dg Agenas'


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 10 dic. (Adnkronos Salute) - Dalle parole ai fatti. Dopo le polemiche dei giorni scorsi sullo spoil system, scaturite dall'intenzione del ministro della Salute Roberto Speranza di rimuovere il direttore generale dell'Agenas Francesco Bevere, qualche ora fa il manager ha ricevuto la missiva del ministero in cui si comunica la sua decadenza da direttore generale dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali. A quanto apprende l'Adnkronos Salute, nella missiva si chiede anche a Bevere, già dipendente del ministero della Salute, di mettersi a disposizione del direttore del personale del dicastero di Lungotevere Ripa.

Sulla possibilità di applicare lo spoil system - già attuato per l'Agenzia italiana del farmaco - al direttore di all'Agenas, Speranza aveva chiesto un parere al Consiglio di Stato. "Emerge, in definitiva, la differente posizione del direttore generale di Agenas rispetto a tutte quelle figure cui fisiologicamente deve applicarsi il meccanismo dello spoil system - si legge nel testo parere - con conseguente dubbio di compatibilità della norma tuttora in vigore con gli art. 95, 96, 97, 98 Cost.". Il 'nodo' appare legato alle nomine effettuate dal ministro d'intesa con le Regioni, che già, almeno in parte, si sono espresse a favore della conferma del dg uscente. E c'è da scommettere che le reazioni alla mossa del ministro non mancheranno.

Per "assicurare la gestione" dell'Agenas nel 'dopo Bevere', "si applica la disposizione prevista dallo Statuto dell'Agenzia", precisa la lettera inviata oggi dal ministero della Salute. "Il direttore generale individua un dirigente che lo sostituisca in caso di assenza o impedimento temporaneo; nel caso in cui non sia stato individuato nessun dirigente, sarà nominato come sostituto il dirigente più anziano in servizio", si legge. Dunque per l'Agenzia si prospetta un interim, in attesa di nuove nomine.