Le terapie per il tumore mammario sono legate a maggiore malattia cardiovascolare e decesso secondo lo studio cardiaco Pathways Heart Study

  • Greenlee H & al.
  • J Clin Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il Pathways Heart Study indica che quasi tutte le terapie per il tumore mammario, inclusi antracicline, trastuzumab e radioterapia, sono associate a una maggiore incidenza di malattie cardiovascolari (cardiovascular disease, CVD) o decesso correlato a CVD.
  • L’eccesso di rischio varia da circa il 50% al 300%.

Perché è importante

  • Questo studio, il più ampio del genere, suggerisce che è necessario monitorare in modo aggressivo le CVD nelle pazienti affette da tumore mammario.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, prospettico di donne californiane in cura presso Kaiser Permanente (13.642 donne affette da tumore mammario sono state confrontate con 68.202 partecipanti di controllo senza tumore mammario, appaiate in base a età e razza/etnia).
  • Esiti primari: cardiopatia ischemica, insufficienza cardiaca e/o cardiomiopatia, ictus.
  • Esiti secondari: aritmia, arresto cardiaco, attacco ischemico transitorio, valvulopatia, malattia tromboembolica venosa.
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • Il follow-up è stato in media di 7 anni.
  • Le pazienti affette da tumore mammario presentavano rapporti di rischio (hazard ratio, HR) più elevati di qualsiasi evento CVD primario/secondario o decesso correlato a CVD:
    • antracicline, rispettivamente 1,56 (IC 95% 1,27–1,93) o 2,91 (IC 95% 1,96–4,33);
    • antracicline con trastuzumab, rispettivamente 2,34 (IC 95% 1,58–3,45) o non significativo;
    • trastuzumab, rispettivamente 1,54 (IC 95% 1,06–2,23) o 2,00 (IC 95% 1,07–3,74);
    • ciclofosfamide, fluoropirimidina e/o tassano, rispettivamente 1,50 (IC 95% 1,14–1,97) o 2,87 (IC 95% 1,82–4,51);
    • radioterapia su uno qualsiasi dei lati, rispettivamente 1,19 (IC 95% 1,07–1,33) o 1,49 (IC 95% 1,21–1,79);
    • inibitori dell’aromatasi, rispettivamente 1,19 (IC 95% 1,06–1,33) o 1,43 (IC 95% 1,18–1,73).

Limiti

  • Disegno osservazionale.