Le terapie mirate ai biomarcatori migliorano la sopravvivenza nell’NSCLC metastatico

  • Arbour KC & al.
  • JAMA
  • 27/08/2019

  • Craig Hicks
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le terapie mirate ai biomarcatori e i regimi terapeutici empirici più recenti ottengono una sopravvivenza migliore nei pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) metastatico.

Perché è importante

  • “Il tumore polmonare non a piccole cellule rimane la causa principale di morte per cancro negli Stati Uniti”, affermano i ricercatori. “Fino allo scorso decennio il tasso di sopravvivenza complessiva a 5 anni dei pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule metastatico era inferiore al 5%”.

Metodi della revisione

  • I ricercatori hanno esaminato gli articoli in lingua inglese che riportano i risultati delle sperimentazioni cliniche delle terapie mediche per l’NSCLC che hanno influenzato gli attuali standard di cura; hanno inoltre esaminato le linee guida delle principali associazioni professionali.
  • Finanziamento: National Cancer Institute.

Osservazioni principali

  • I progressi nella terapia mirata ai biomarcatori hanno migliorato la OS a 5 anni di oltre il 20% nei pazienti con alta espressione del ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death-ligand 1, PD-L1) e di oltre il 35% in quelli con tumori ALK-positivi.
  • Tutti i pazienti con NSCLC metastatico devono sottoporsi a test molecolari per valutare l’espressione della proteina PD-L1 e la presenza di mutazioni, per confermare la selezione delle terapie sistemiche.
  • Circa il 30% dei pazienti con NSCLC presenta mutazioni molecolari predittive della risposta al trattamento; le terapie mirate a tali mutazioni migliorano la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) più della chemioterapia citotossica.
  • I pazienti senza mutazioni bersaglio possono trarre beneficio dagli inibitori del checkpoint immunitario in monoterapia oppure in combinazione con la chemioterapia.