Le statine o la metformina influenzano il beneficio in termini di sopravvivenza del trattamento per il tumore prostatico?

  • Joshua AM & al.
  • Eur J Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’uso di statine è associato a una migliore sopravvivenza dei pazienti affetti da tumore prostatico resistente alla castrazione trattati con enzalutamide.
  • La metformina non evidenzia alcuna associazione con la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) secondo l’analisi aggregata di 3 sperimentazioni randomizzate.

Perché è importante

  • Studi preclinici ed epidemiologici hanno riportato benefici in termini di sopravvivenza di statine e metformina nei pazienti affetti da tumore prostatico.

Disegno dello studio

  • Studio dei dati di pazienti (n=4.277) di 3 studi di fase 3, randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo che hanno valutato enzalutamide (AFFIRM, PREVAIL e PROSPER) in pazienti affetti da tumore prostatico resistente alla castrazione.
  • Finanziamento: Pfizer Inc.; Astellas Pharma Inc.

Risultati principali

  • Rispettivamente il 31% e il 10% dei pazienti hanno riferito l’uso concomitante di statine e di metformina.
  • L’uso di statine, rispetto al mancato uso, è risultato associato a un miglioramento significativo dell’OS con enzalutamide (HR aggregato=0,75; IC 95%, 0,66–0,85).
    • L’associazione è risultata significativa nell’analisi aggregata delle sperimentazioni AFFIRM + PREVAIL.
  • L’uso di metformina non è risultato associato all’OS (HR aggregato=0,83; IC 95%, 0,67–1,03).
  • I pazienti che assumevano statine hanno riportato una maggiore incidenza di eventi avversi (adverse event, AE) cardiaci rispetto a quelli che non usavano statine, tranne nella sperimentazione PREVAIL, nella quale i tassi sono risultati simili.
  • I pazienti del gruppo trattato con enzalutamide che assumevano metformina hanno evidenziato generalmente tassi di AE cardiaci più elevati.

Limiti

  • Studio post-hoc.