Le neoplasie in stadio avanzato sono rare per 10 anni dopo la colonscopia

  • BMJ

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi di studi osservazionali indica che le neoplasie in stadio avanzato sono rare nei primi 10 anni dopo la colonscopia.

Perché è importante

  • Poche delle raccomandazioni riguardanti lo screening si basano su evidenze degli esiti effettivi della colonscopia di screening ripetuta, affidandosi invece a stime indirette come la mortalità o i tumori incidenti.
  • Sono necessari dati di colonscopie ripetute per confermare e affinare le linee guida e ridurre l’uso eccessivo della colonscopia.

Disegno dello studio

  • Revisione sistematica e metanalisi di 28 studi (22 coorti, 5  studi trasversali, 1 studio caso-controllo).
  • Finanziamento: Ministry of Education and Research.

Risultati principali

  • Prevalenza di qualsiasi neoplasia in base all’intervallo dalla colonscopia:
    • 1–5 anni, 20,7% (IC 95% 15,8%–25,5%);
    • 5–10 anni, 23,0% (IC 95% 18,0%–28,0%);
    • >10 anni, 21,9% (IC 95% 14,9%–29,0%).
  • Prevalenza di neoplasie in stadio avanzato in base all’intervallo dalla colonscopia:
    • 1–5 anni, 2,8% (IC 95% 2,0%–3,7%);
    • 5–10 anni, 3,2% (IC 95% 2,2%–4,1%);
    • >10 anni, 7,0% (IC 95% 5,3%–8,7%).

Limiti

  • Tutti gli studi inclusi erano osservazionali.
  • Molti studi includevano soggetti con un’anamnesi familiare di tumore colorettale.