Le metastasi linfonodali occulte colpiscono il 14% dei pazienti con SCC della laringe che ricevono END come terapia di salvataggio

  • Oral Oncol

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il 14% dei pazienti con carcinoma a cellule squamose (squamous cell carcinoma, SCC) della laringe in stadio cN0 sottoposti a dissezione elettiva del collo (elective neck dissection, END) con laringectomia di salvataggio presenta metastasi linfonodali occulte, con i tassi più alti associati a recidiva sopraglottica, secondo una revisione sistematica e metanalisi.

Perché è importante

  • L’uso di END con laringectomia di salvataggio è controverso a causa della variabilità dei tassi di metastasi linfonodali occulte riportati e delle complicanze postoperatorie.

Risultati principali

  • Il tasso aggregato di metastasi linfonodali occulte era del 14% (IC 95%: 11%–17%; tutte le sottosedi).
  • I tassi di metastasi linfonodali occulte erano del 24% in caso di recidiva sopraglottica, 9% con recidiva glottica e 17% con recidiva transglottica (rischio relativo [RR]: 2,78; P
  • I tassi di metastasi linfonodali occulte erano del 21% nei tumori in stadio T3/4 recidivanti e del 9% nei tumori in stadio T1/2 recidivanti (RR: 2,17; P=0,003).
  • La END non era associata in modo significativo a un aumento del rischio di complicanze postoperatorie (RR: 1,72; P=0,07) rispetto all’osservazione.

Disegno dello studio

  • Nella metanalisi sono stati inclusi 19 studi (922 pazienti sottoposti a END, 276 pazienti sottoposti a osservazione dopo laringectomia di salvataggio).
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Metanalisi basata principalmente su studi retrospettivi.