Le mammografie 3D offrono un vantaggio per le donne di età pari e superiore a 65 anni

  • Bahl M & al.
  • Radiology
  • 02/04/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nelle donne anziane (età ≥65 anni) la tomosintesi mammaria digitale (digital breast tomosynthesis, DBT) ottiene prestazioni migliori rispetto alla mammografia digitale (digital mammography, DM) in vari parametri di prestazione: tasso inferiore di interpretazione anomala, maggiore valore predittivo positivo e maggiore specificità.
  • Non sono state osservate differenze tra gruppi nel tasso di individuazione del carcinoma mammario (breast cancer, BCa), ma questo risultato potrebbe essere stato confuso dalle prestazioni nel tempo.

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio a confrontare DBT e DM nelle donne anziane.
  • I risultati confermano l’adozione della DBT come screening di prima linea per le donne anziane.

Disegno dello studio

  • Coorte retrospettiva che ha confrontato i parametri di prestazione in donne di età ≥65 anni sottoposte a DBT (n=20.646) rispetto a DM (n=15.019) presso il Massachusetts General Hospital nel periodo 2008–2011.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • DM e DBT hanno offerto tassi simili di individuazione di tumori (6,9 vs. 8,2 su 1.000 esami; aOR: 1,13; P=0,23).
  • La DBT ha ottenuto prestazioni migliori rispetto alla DM nei seguenti parametri:
    • tasso inferiore di interpretazione anomala (5,7% vs. 5,8%; aOR: 0,88; P
    • maggiore valore predittivo positivo 1 (14,5% vs. 11,9%; aOR: 1,26; P=0,03);
    • maggiore specificità (95,1% vs. 94,8%; aOR: 1,18; P
  • È stato osservato un vantaggio marginale per la DBT in termini di percentuale di:
    • tumori invasivi rispetto a tumori in situ (rispettivamente 81,1% vs. 74,4%; P=0,06);
    • tumori con linfonodi positivi (10,2% vs. 16,6%; P=0,054).

Limiti

  • Studio monocentrico.