Le donne lesbiche e bisessuali sono più a rischio di malattie cardiache

  • Jenny Blair
  • Notizie dalla letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Rispetto alle donne eterosessuali, le donne lesbiche e bisessuali sono a maggior rischio di malattie cardiovascolari e potrebbero trarre beneficio dagli sforzi per prevenire lo sviluppo di fattori di rischio.

Nella popolazione maschile, invece, a eccezione degli abitanti delle zone rurali, gli uomini gay e bisessuali godono di una salute cardiovascolare migliore rispetto alle loro controparti eterosessuali.

Lo studio, condotto da un'équipe francese per misurare le diseguaglianze in salute in gruppi minoritari, è stato pubblicato sul Journal of the American Heart Association.

 

Implicazioni e contesto

Ricerche precedenti hanno rilevato che le popolazioni appartenenti a minoranze sessuali presentano tassi più elevati di fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Rispetto agli eterosessuali, questi gruppi riferiscono anche un minor numero di incontri con gli operatori sanitari, esperienze sanitarie peggiori e una tendenza a ritardare le cure.

Per valutare i fattori di rischio sono stati usati il punteggio Life's Essential 8 per la salute cardiovascolare, che comprende l'esposizione alla nicotina, la dieta, l'attività fisica, l'indice di massa corporea, la salute del sonno, la glicemia, la pressione arteriosa e i lipidi nel sangue, e il Life's Essential 7 che esclude la salute del sonno. 

Gli autori affermano che questo è il primo studio a livello francese sulle disparità di salute cardiovascolare basate sullo status di minoranza sessuale.

 

Disegno dello studio

Lo studio epidemiologico prospettico di coorte CONSTANCES, condotto a livello nazionale sui fattori di rischio, ha reclutato in modo casuale adulti in Francia.

Tra gli altri elementi di salute, demografici e sociologici, i partecipanti hanno dichiarato il loro comportamento sessuale nel corso della vita e i ricercatori li hanno classificati come lesbiche, gay, bisessuali o eterosessuali. I ricercatori hanno anche assegnato a ciascun partecipante un punteggio sulle scale di salute cardiovascolare Life's Essential 8 e Life's Simple 7.

Sebbene i partecipanti siano stati sottoposti a esami clinici e di laboratorio ogni 4 anni, questo studio è stato un'analisi trasversale dei dati di partenza che ha coinvolto 169.434 persone.

 

I risultati

Dopo un ampio aggiustamento per i fattori confondenti, le donne lesbiche e bisessuali hanno ottenuto punteggi peggiori su Life's Essential 8 rispetto alle donne eterosessuali, mentre gli uomini gay hanno ottenuto punteggi significativamente più alti rispetto agli uomini eterosessuali. I punteggi relativi a Life's Simple 7 hanno seguito un andamento simile.

 

Limitazioni

Non è stata stabilita la causalità. Non erano disponibili dati sull'identità di genere. Oltre il 3% dei partecipanti non ha rivelato i propri comportamenti sessuali. La Francia ha un'assistenza sanitaria universale, il che potrebbe limitare la generalizzabilità ad altri sistemi.

 

Finanziamento

Lo studio è stato finanziato dalla Caisse nationale d'assurance maladie, dal Ministero della Salute, dal Consiglio della regione Île-de-France e dalle coorti TGIR IReSP-ISP INSERM (Ministère de la santé et des sports, Ministère délégué à la recherche, Institut national de la santé et de la recherche médicale, Institut national du cancer e Caisse nationale de solidarité pour l'autonomie).