Lazio, Policlinico Tor Vergata esce da piano rientro


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 1 lug. (AdnKronos Salute) - Il Policlinico Tor Vergata di Roma esce dal piano di rientro. Ad annunciarlo è l'assessore alla Sanità e Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, che oggi insieme al direttore generale del Policlinico, Tiziana Frittelli, ha presentano i dati del bilancio della struttura sanitaria.

Il Policlinico di Tor Vergata (Ptv) esce dal piano di rientro grazie ai risultati raggiunti in chiave di riduzione del disavanzo e di incremento della produzione. A partire dal 2014 - sottolinea la direzione dell'ospedale - il disavanzo è passato da 73,6 milioni di euro ai 19,5 milioni del 2018, e alla riduzione del disavanzo è corrisposto l'aumento della produzione passata da 216,4 a 254,8 milioni di euro. Grazie alla sinergia con l'università, il Ptv ha in gestione 447 studi clinici finalizzati alla ricerca. E' certificato per la qualità Iso 9001 e per il rischio clinico. Oltre all'aumento della produttività, si è registrato anche un incremento dei posti letto passati dai 426 del 2014 ai 504 del 2018, con l'apertura del Spdc (Servizio psichiatrico di diagnosi e cura).

L'aumento dei costi - si evidenzia ancora - è in parte dovuto agli importanti investimenti sulle risorse umane: sono state attivate le procedure per la stabilizzazione dei precari (130 unità) e incrementati gli organici; nel 2018 è stata riconosciuta la progressione economica al personale di comparto (1.055 unità coinvolte), è stato rimodulato l'orario per il personale universitario (28 ore settimanali) e attuato il nuovo atto aziendale.

Nel 2017 il numero dei ricoveri ha raggiunto quota 24 mila, con un incremento del 10% dei ricavi rispetto al 2014. Significativo anche il costante aumento degli interventi chirurgici: nel 2018 sono stati oltre 9.200, il 13% in più rispetto al 2015. Sono aumentati anche gli accessi, passando dai 46.820 del 2014 (1.947 codici rossi) ai 48.055 del 2018 (2.814 codici rossi). Il numero dei codici rossi pone il Ptv costantemente ai primi posti per trattamento a livello regionale a causa dell'ampio bacino di utenza.